I casi di omonimia nella lingua italiana sono molti, ma alcuni in particolare sono sbalorditivi. E allora può succedere che due persone parlino di cellulite senza capirsi, semplicemente perché parlano di due cose diverse. Esiste, infatti, un tipo di cellulite di cui nessuno parla: la cellulite infettiva, che non va confusa con la cellulite estetica.

Nel primo caso, la cellulite è un’infezione batterica che coinvolge gli strati interni della pelle. Colpisce in particolare il derma e grasso sottocutaneo. Segni e sintomi includono una superficie soggetta ad arrossamento che aumenta di dimensioni in pochi giorni. I confini della zona di arrossamento non sono generalmente definiti e la pelle può essere gonfia nelle zone colpite. Mentre il rossore diventa spesso bianco quando viene applicata pressione, questo non sempre accade con la cellulite infettiva. L’area di infezione è di solito dolorosa. I vasi linfatici possono occasionalmente essere coinvolti, e la persona può avere la febbre e sentirsi stanca.

Le gambe e il viso sono i siti più comuni coinvolti, anche se la cellulite può verificarsi in qualsiasi parte del corpo. La gamba è tipicamente influenzata a seguito di una rottura nella pelle. Altri fattori di rischio sono l’obesità, il gonfiore delle gambe, e la vecchiaia. I batteri più comunemente coinvolti sono streptococchi e Staphylococcus aureus.

In contrasto alla cellulite, l’erisipela è un’infezione batterica che coinvolge gli strati più superficiali della pelle, i quali presentano una superficie di rossore con bordi ben definiti, e più spesso è associata alla febbre. La diagnosi è di solito basata sui segni e sintomi di presentazione, mentre la coltura cellulare è raramente possibile. Prima di effettuare una diagnosi, sarebbe bene escludere le infezioni più gravi, come un’infezione ossea sottostante o fascite necrotizzante.

Il trattamento con antibiotici per via orale, come cefalexina, amoxicillina, o cloxacillina, sono spesso utilizzati con successo. In particolare, possono essere utilizzati per coloro che sono seriamente allergici alla penicillina, eritromicina o clindamicina. Quando è lo Staphylococcus aureus meticillino-resistente (MRSA) a generare più di una preoccupazione, la doxiciclina o il trimetoprim/sulfametossazolo possono, inoltre, essere raccomandati.