Consigli utili per affrontare e combattere il singhiozzo

Se avete l’abitudine di bere o fumare  molto cercate di togliervi questi vizi che, tra le altre cose, contribuiscono all’insorgere del singhiozzo; cercate inoltre di mangiare con calma, senza ingurgitare tutto in fretta.

Fra i rimedi più conosciuti contro il singhiozzo c’è il trattenere il respiro per qualche secondo, fare dei gargarismi, bere velocemente un bicchiere di acqua gelata o un cucchiaino di limone e zucchero (stimola il diaframma riducendo le contrazioni).

Ecco una lista di proposte per vincere gli impulsi nervosi che provocano il singhiozzo:

  • Tirate con forza la lingua verso l’esterno prendendola fra pollice e indice.
  • Sollevate l’ugola (piccola crescenza carnosa che pende nella parte posteriore della bocca) con  un cucchiaio.
  • Masticate ed inghiottite del pane secco.
  • Succhiate una fetta di limone.
  • Solleticate la parte superiore della bocca nel punto in cui si incontrano il palato molle con il palato duro.
  • Comprimete il torace spingendo in su le ginocchia o piegandovi in avanti.
  • Succhiate del ghiaccio tritato.
  • Mettete una borsa del ghiaccio sul diaframma.
  • Tenete il fiato più che potete e inghiottite al momento che inizia il singhiozzo.
  • Ingerire un cucchiaino di aceto, angostura o limone.
  • Fare pressione sui globi oculari.
  • Inspirare molta aria, poi restare in apnea il più a lungo possibile.
  • Mettere un cubetto di ghiaccio sul collo.
  • Piegarsi in avanti e inghiottire con le orecchie tappate.
  • Fare dei gargarismi con acqua molto calda o molto fredda.
  • Comprimere le due facce laterali dell’anulare fino a sentire dolore.
  • Inalare dei sali (quelli usati nello svenimento).
  • Masticare pane duro.
  • Tenere il fiato per 30 secondi e bere un sorso d’acqua piegati come per toccare i piedi, poi deglutire.
  • Smettere di respirare e inghiottire 10 sorsi di acqua in rapida successione.
  • Solleticare il naso con una piuma  per starnutire.
  • Sorseggiare mezzo bicchiere d’acqua bevendo dalla parte opposta del bicchiere.
  • Chiudere le orecchie con le dita e comprimere per qualche minuto.
  • Respirare velocemente iperventilando.
  • Pensate di tuffarvi in piscina, tappate il naso, chiudete la bocca ,trattenete il respiro il più possibile come si fa prima di un tuffo.
  • Mordere un limone, masticare radice di zenzero, mangiare un cucchiaio di zucchero.

Rimedi naturali contro il singhiozzo

Visto che a volte il singhiozzo dipende da stati di ansia o stress si può provare a combattere il singhiozzo con una tisana rilassante (fatta con infuso di melissa, anice e menta), con della camomilla o della valeriana.

Un altro infuso valido contro il singhiozzo si prepara mettendo in un litro di vino 150g di semi di finocchio e lasciando macerare per una settimana (questo infuso può essere conservato ed usato al momento giusto); i semi di finocchio si possono sostituire con quelli di anice, in tal caso il tempo di macerazione è di 2 giorni.

Altri metodi naturali sono: il miele, ingerendo un cucchiaino di miele si stimola il diaframma fermando il singhiozzo; il pepe nero, inalando la polvere del pepe si induce una reazione violenta che causa degli starnuti così da interrompere il singhiozzo; lo zenzero, mangiare dello zenzero aiuta a risolvere il problema del singhiozzo; il limone, l’acidità del succo aiuta a calmare i sintomi; il succo di ananas; l’aneto.

I contenuti presenti nel sito sono a solo scopo informativo. Fate sempre riferimento alle indicazioni del vostro medico curante.